Tu sei qui: Home Quadro progettuale Linee per lo sviluppo del progetto definitivo Cenni all'architettura informatica e telematica

DataWareHouse

Modello organizzativo per il patrimonio informativo del SitiSET

Il progetto di Sistema del S.I.T.I. utilizza come principale modello di riferimento quello del Data WareHouse (DWH), che in termini sintetici può essere descritto come:

"una raccolta di dati integrata, orientata al soggetto, che varia nel tempo e non volatile, di supporto ai processi decisionali".

(per una trattazione completa si veda la voce DataWareHouse su Wikipedia)

Schema DataWareHouse

La scelta di porre al centro del Sistema un DataWareHouse è dettata dalla convinzione che un Sistema Informativo Territoriale è — appunto — principalmente un Sistema Informativo e, pertanto, nel caso di realizzazioni consistenti che debbano risultare

  • flessibili
  • scalabili
  • stabili
  • integrate

risulta il modello teorico ed implementativo più appropriato.

Gli elementi che compongono l'architettura complessiva del Sistema possono essere così descritti:

  • DATI PROVENIENTI DA SISTEMI TRANSAZIONALI: sono quell'insieme di dati elaborati dai sistemi gestionali e transazionali, che possono essere contenuti all'interno dello stesso database o, più frequentemente, provenire da diversi database, collocati anche su server diversi, che possono trovarsi in luoghi fisici distanti.
  • DATA MOVEMENT: è la componente del sistema responsabile dell'estrazione dei dati dai sistemi transazionali, ovunque si trovino, della loro reciproca integrazione, del pre-processamento dei dati, del controllo della consistenza dei dati, della conversione delle strutture dati, e dell'aggiornamento dei dizionari.
  • DATA WAREHOUSE: i dati estratti dagli archivi transazionali vengono memorizzati internamente al data warehouse. In genere nel data warehouse l'accesso ai dati è consentito in sola lettura. Tali dati possono mantenere una dimensione storica ed essere riferiti a specifici soggetti.
  • DATA MART: il sistema può prevedere un unico archivio centrale oppure uno o più data mart. Si tratta di un data warehouse di dimensioni ridotte, specializzato per una particolare area tematica. In generale, i dati contenuti nel data warehouse possono essere aggregati e indicizzati per rispondere a specifiche necessità informative.
  • METADATI: i metadati (in gergo "data about data") descrivono le caratteristiche di ciascun dato, spesso secondo parametri dettati da specifiche standard per ciascuna tipologia informativa, come la provenienza, l'utilizzo, il valore o la funzione del dato.
  • UTENTE FINALE: i dati contenuti nel data warehouse vengono presentati all'utente finale, il quale dispone di un insieme di strumenti per effettuare elaborazioni e produrre informazioni appropriate. I tool a disposizione dell'utente possono essere semplici generatori di query e report, interfacce grafiche che consentono la rappresentazione dei dati o sistemi di analisi dati più complessi.

L'organizzazione del DataWareHouse è suddivisa in quattro livelli architetturali:

  1. trasformazione dei dati: è il livello che si occupa di acquisire i dati e validarli;
  2. preparazione e "immagazzinamento" dati: è il livello che fornisce i dati agli utenti e alle applicazioni analitiche;
  3. interpretazione e analisi dati: è il livello, ad elevato valore aggiunto, che presiede alla trasformazione dei dati in informazioni aventi valore strategico;
  4. presentazione dati: è il livello, a basso valore aggiunto, che presiede alla presentazione finale agli utenti delle informazioni e quindi delle risposte cercate.


L'immagine che segue illustra il modello di DataWareHouse applicato al S.I.T.I.

Schema DataWareHouse S.I.T.I.

 

successivi punti di Cenni all'architettura informatica e telematica

 

precedente paragrafo delle Linee per lo sviluppo del Progetto definitivo:

 

torna al sommario degli Approfondimenti