Tu sei qui: Home Quadro progettuale Quadro amministrativo Ipotesi di convenzionamento per la collaborazione cooperativa

Ipotesi di convenzionamento per la collaborazione cooperativa

Traccia per la stesura dello schema di convenzionamento tra gli Enti partecipanti al Sistema cooperativo

La Bozza di Convenzione potrebbe seguire lo schema adottato per la realizzazione del cd. 'hosting' delle informazioni del Catasto stradale dei Comuni, più precisamente definito: "Sistema integrato di gestione delle informazioni dei rispettivi Catasti ex D.Lgs.285/92 e dei rispettivi Sistemi Informativi Stradali, attraverso l'implementazione di una struttura hardware e software condivisa, messa a disposizione dal Servizio Viabilità e dal Servizio Sistema Informativo Territoriale Integrato della Provincia".

I punti dello schema potrebbero, quindi, essere i seguenti:

Premesse

  • Normative nazionali e regionali
  • Informazioni trattate e loro organizzazione
  • Principi generali per l'organizzazione dell'informazione geografica provinciale
  • Integrazione delle informazioni funzionalmente connesse, ma a diversa titolarità
  • Infrastrutturazione informatica del S.I.T.I. e piena riusabilità del modello adottato
  • Verifiche della sostenibilità tecnico-economica

Articolato

  • Valore delle premesse
  • Oggetto della Convenzione
  • Natura e identificazione degli obiettivi del Sistema cooperativo per l'integrazione dei dati amministrativi a titolarità comunale in materia di demografia ed attività produttive, finalizzato all'attività di ricerca in ambito socio-economico-territoriale
  • Ruolo e responsabilità dei Soggetti partecipanti, rispettivi compiti ed oneri
  • Strutture tecnico-operative dei Soggetti partecipanti
  • Programmi tecnico-finanziari di sviluppo
  • Oneri finanziari a carico dei Soggetti partecipanti
  • Risoluzione delle controversie
  • Durata del Convenzione

La stipula delle convenzioni può essere modulata secondo tre possibili livelli.

  1. Un primo livello riguarda la regolazione dei rapporti con Enti già dotati di Sistema Iinformativo Territoriale ed interessati ad una partnership nella costruzione del progetto: sostanzialmente Enti in grado di gestire informazioni con un grado di complessità molto elevato come il Comune della Spezia, che dispone di un Sistema Informativo Territoriale maturo, sviluppato nel corso degli anni e dotato di una consistente base di dati geo-codificati e che ha espresso specifiche tecniche di qualità, in particolar modo orientate alla univocità della codifica dei dati toponomastici, adottate oramai da molti Settori comunali, compresi quelli abitualmente lontani da un approccio geografico, come i tributi ed anagrafe.
  2. Un secondo livello riguarda la regolazione dei rapporti coi Soggetti locali interessati allo scambio informatizzato di dati, in particolare CCIAA ed ATC.
  3. Un terzo livello riguarda la regolazione dei rapporti coi Comuni della provincia, interessati allo scambio informatizzato di dati ma non in grado di gestire in proprio un sistema informativo. Si tratta delle convenzioni tramite cui la Provincia può esercitare un ruolo per il coordinamento e la fornitura di servizi.

vai al successivo: Linee per lo sviluppo del progetto definitivo

precedenti paragrafi del Quadro amministrativo:

torna al sommario degli Approfondimenti